B&B Bora di Trieste

B&B Bora di Trieste Il B&B è situato in zona centrale, dalla quale sono facilmente raggiungibili a piedi i principali siti turistici e culturali di Trieste. Da maggio del 2009 vi proponiamo un'accoglienza familiare e di qualità.

Bed and Breakfast con due camere in appartamento di 115 mq completamente rinnovato, in zona tranquilla nel cuore di Trieste:
- ottimamente servito dai mezzi pubblici
- collegamento con linee dirette dalla stazione ferroviaria
- a richiesta possibilità di utilizzo box auto
- posizione centrale e comoda, da cui sono facilmente raggiungibili le principali attrattive turistiche e culturali di Trieste

Bed and Breakfast con due camere in appartamento di 115 mq completamente rinnovato, in zona tranquilla nel cuore di Trieste:
- ottimamente servito dai mezzi pubblici
- collegamento con linee dirette dalla stazione ferroviaria
- a richiesta possibilità di utilizzo box auto
- posizione centrale e comoda, da cui sono facilmente raggiungibili le principali attrattive turistiche e culturali di Trieste

Normali funzionamento

Photos from Trieste per Trieste's post
23/08/2021

Photos from Trieste per Trieste's post

Photos from Trieste per Trieste's post
04/08/2021

Photos from Trieste per Trieste's post

26/07/2021

Il “pinguino Marco” al Salone degli Incanti

Vi ricordate il pinguino Marco? Abitò a #Trieste, dal 1953 al 1984, ospite dell'Aquario Civico, ogni tanto usciva, gironzolava tra bambini e passanti incuriositi, si faceva un bagno nell'acqua di mare e rientrava nell'Aquario a osservare i visitatori.
Il pinguino, triestino doc, resterà al Salone degli Incanti fino al termine della mostra #crackingart, domenica 17 ottobre 2021, e farà quindi ritorno al Civico Museo di Storia Naturale, dove è stato sempre conservato, e poi collocato all’interno di una collezione ornitologica dedicata.

Bioest 2021 - Conferma Nuove Date
13/06/2021
Bioest 2021 - Conferma Nuove Date

Bioest 2021 - Conferma Nuove Date

Save te date: 19 e 20 giugno. Ebbene sì, il Bioest quest'anno si farà. Carissimi amici quest'anno Bioest si terrà il 19 e 20 Giugno sempre nel meraviglioso parco di S. Giovanni a Trieste. Ovviamente ci saranno numerose restrizioni dovute alla corrente pandemia, ma salvo annullamenti da parte degl

❤️
05/06/2021

❤️

Eh niente, siamo sulla copertina di National Geographic Italia 🙃 Felici di rappresentare la nostra amata #Trieste ❤️
Friuli Venezia Giulia Turismo

Trieste e i suoi panorami mozzafiato
14/05/2021
Trieste e i suoi panorami mozzafiato

Trieste e i suoi panorami mozzafiato

Una città bellissima e ideale nei weekend è Trieste che offre tante possibilità a seconda delle esigenze di chi viaggia. Basti pensare che questa si trova tra mare e monti regalando uno scenario mozzafiato. Tantissime le cose da vedere tra cui strade, piazze, monumenti, caffè storici e molto alt...

14/05/2021

Pochi altri territori, oltre al nostro, possono vantare un mix fra due mondi così vicini e così lontani: quello mediterraneo da una parte e quello continentale dall'altra. La fusione fra due sfere così agli antipodi si manifesta nel carattere, nelle tradizioni e nelle abitudini di un popolo. E, naturalmente, nella sua cucina. Presentare l'enogastronomia triestina è impresa complessa proprio per la sua radice multiforme e per la sua capacità, nei secoli, di subire (e trasformare) gli influssi provenienti dalle aree più disparate del continente (e non solo).
La peculiarità principale, vista la sua contiguità con la costa adriatica, è naturalmente la ricchezza di ricette e di piatti di mare. Pochi altri bacini come il nostro Adriatico, con una temperatura mediamente più alta rispetto al resto del Mediterraneo, sono in grado di garantire una pescosità 12 mesi all'anno.
Ma non c'è solo il pesce, naturalmente: la carne è intimamente legata alle tradizioni del territorio ed ai suoi stretti rapporti con il Carso e con gli influssi provenienti dalle terre slave, danubiane, austriache e tedesche.
Non solo: la contaminazione ha riguardato anche i dolci. Se è vero che il presnitz venne preparato la prima volta nel 1832 in onore di Francesco I e dell'imperatrice d'Austria in visita alla città e che lo stesso nome sia in realtà una storpiatura locale del Preis Prinzessin (Premio Principessa) vinto appunto dal presnitz come miglior dessert offerto ai regnanti, d'altro canto le famose fave triestine potrebbero avere origine addirittura dall'antica Persia. Di certo, la diffusione della mandorla (di cui sono composte) è tipica di tutta l'area mediterranea, ed è probabilmente giunta a Trieste dal mare attraverso l’esodo delle popolazioni ebraiche, che nei secoli scorsi si stabilirono in città contaminando le tradizioni multietniche della cucina locale. Ed arricchendo ulteriormente un'offerta già variegata.
Nelle prossime "puntate" ci addentreremo alla scoperta delle ricette e dei piatti tipici e conosceremo nel dettaglio i ristoratori del nostro territorio
Metti mi piace e segui la nostra pagina!

In foto: Presnitz by Sircelli

FRIULI VENEZIA GIULIA Ep. 02 – Trieste e la sua grazia
03/05/2021
FRIULI VENEZIA GIULIA Ep. 02 – Trieste e la sua grazia

FRIULI VENEZIA GIULIA Ep. 02 – Trieste e la sua grazia

Trieste e la sua grazia. Il secondo episodio della stagione dedicata al #FVG è all’insegna della cultura e, come sempre, tutto è nato per caso da degli incon...

02/05/2021

Se hai sempre desiderato viaggiare nel tempo, il tuo sogno può avverarsi e non dovrai andare neanche troppo lontano. Ti basterà entrare nella drogheria Toso a Trieste: essere qui è come fare un salto indietro nel passato perché tutto è rimasto intatto dal 1906. #BellezzeDelTerritorio

🙂
25/04/2021
Riaprono i Musei Comunali, ingresso gratis fino al 30 giugno

🙂

il Comune di Trieste comunica che,i Musei comunali riaprono al pubblico con i consueti orari e le modalità da “zona gialla” di seguito richiamate. I visitatori sono tenuti ad accedere ai Musei dotati di mascherina o comunque di una [...]

Miramare Museo Storico e il Parco del Castello
07/11/2020

Miramare Museo Storico e il Parco del Castello

Siamo veramente lieti di potervi annunciare che da domani, sabato 7 novembre, e salvo diverse disposizioni, il Parco di Miramare riaprirà regolarmente al pubblico con i consueti orari del periodo (08.00 – 16.00), sempre nel pieno rispetto delle norme e delle disposizioni igienico-sanitarie in vigore, che vi preghiamo di osservare in modo rigoroso per la tutela vostra e di quella delle altre persone:

> mascherina sempre obbligatoria (coprendo sia naso che bocca)
> distanziamento interpersonale di almeno 1 m
> divieto di assembramenti
> igienizzare spesso le mani

Vi ricordiamo che alle ore 16.00 tutti i varchi di accesso al Parco, compreso quello di viale Miramare, saranno chiusi.

Rimane invece temporaneamente sospesa l’apertura al pubblico del Castello e delle Scuderie con la mostra Marcello Dudovich. Fotografia fra Arte e Passione, ai sensi del DPCM 3 novembre 2020.

museitaliani MiBACT Comune di Trieste Regione Friuli Venezia Giulia Friuli Venezia Giulia Turismo Trieste Turismo Mostre ed eventi a Miramare Andreina Contessa

Morigenos
05/11/2020

Morigenos

Ocean giants visit the Gulf of Trieste! 😮🌊🐋

Today, Morigenos researchers located and observed two fin whales (Balaenoptera physalus), thanks to a report by one of Slovenian fishermen. The fin whale is the second largest animal on our planet and the only regularly present baleen whale in the Mediterranean Sea. In the northern Adriatic Sea this species is typically recorded every few years. Fin whales in the northern hemisphere grow up to 22.5 m and 50 tons, while their southern hemisphere counterparts can grow up to 26 m and 80 tons. They mainly feed on small crustaceans called krill, and on some small fish species. The fin whale is listed as Vulnerable on the IUCN Red List. In the Mediterranean, it is primarily threatened by ship strikes, underwater noise, chemical pollution and microplastics.

We photographed both whales and obtained aerial footage of them. Based on photographs of dorsal fins and other body parts we will be able to determine if these whales have been observed elsewhere by our colleagues working in other parts of the Adriatic and Mediterranean, while aerial footage will help determine their overall body condition.

Morigenos is extremely happy to have a great ongoing collaboration with local fishermen, without whom we would not be able to collect such valuable data today.

Morigenos asks those of you at sea to report any whale sightings to us at +38631771077 and thereby help us collect important information about the movements and the health condition of these animals. We also ask boat owners to reduce potential negative impacts on these whales by not approaching them closer than 200 m.

01/09/2020
Unione Meteorologica del Friuli Venezia Giulia - UMFVG

Unione Meteorologica del Friuli Venezia Giulia - UMFVG

I PERCORSI DELLA BORA
BREVE DOCUMENTARIO A CURA DI Museo della Bora E UNIONE METEOROLOGICA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

E' stato reso pubblico ieri, e lo pubblichiamo oggi, il breve documentario (10 minuti circa) sui "percorsi della Bora", realizzato all'interno di ESOF 2020 Trieste

Renato R Colucci, vice Presidente UMFVG e ricercatore CNR, accompagna l'ascoltatore in un breve viaggio da dove la Bora di Trieste si genera, in uno dei tanti passaggi delle #AlpiDinariche, a poche decine di km ad est del Nord Adriatico, fino al Golfo di Trieste, per convergere in uno dei luoghi simbolo della Bora triestina, dove le raffiche sono particolarmente impetuose.

Realizzato su un'idea di Rino Lombardi in collaborazione con UMFVG e #cnrismar per conto del Museo della Bora e grazie al supporto di Regione Friuli Venezia Giulia, il breve documentario sarà presente anche al Magazzino 27 di ESOF 2020 Trieste fino al 6 settembre.

Una ulteriore dimostrazione di come con poche risorse, ma tanta passione e volontà condite da competenze e professionalità, sia possibile creare bei prodotti divulgativi dedicati alla meteorologia ed al clima.

Si ringraziano anche Davide Bonaldo ed il progetto Interreg Italia-Croatia dell'Unione Europea "Change We Care" (https://www.italy-croatia.eu/web/changewecare) per il supporto modellistico
Change We Care - Italia
-----------
UMFVG è membro di European Meteorological Society, Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia, Società Meteorologica Italiana - NIMBUS

grazie a Stampa Cnr

29/08/2020
Discover Trieste

Discover Trieste

Dal "capo in b" nei caffè storici alla "caldaia" nei buffet tipici, dai vini autoctoni delle cantine di roccia ai prelibati salumi nelle autentiche "osmize", per non parlare dei piatti di pesce da gustare con vista sul golfo: un melting-pot di sapori di terra e di mare tutto da provare.

L'estate continua e Trieste ti aspetta a braccia aperte!
👉🏻 https://bit.ly/Trieste-sapori

Trovate nei fondali di Miramare vecchie posate – A chi appartenevano?
23/08/2020
Trovate nei fondali di Miramare vecchie posate – A chi appartenevano?

Trovate nei fondali di Miramare vecchie posate – A chi appartenevano?

Pranzi (imperiali?) a Miramare Questa storia ve la racconta l’Area Marina Protetta di Miramare: “Alcune settimane fa, durante uno snorkeling a Miramare, una delle nostre guide ha adocchiato sul fondale un cucchiaio che sembrava …

INAF Osservatorio Astronomico di Trieste
22/08/2020

INAF Osservatorio Astronomico di Trieste

Ecco un'anteprima del Virtual Tour of the Universe che presenteremo in occasione di ESOF 2020 Trieste.
Tutte le sere dal 24 agosto al 4 settembre a Palazzo Gopcevich.
Evento gratuito, ma è necessaria la prenotazione, qui: https://bit.ly/3kz5uQY
Vi aspettiamo!

❤️
18/07/2020

❤️

MIKA così parla di Trieste in un'intervista a IL PICCOLO: " Non capisco perchè nessuno mi ha parlato prima di questa città! E' una cosa stranissima, è custodita come un bellissimo segreto. E' come se fosse nel periodo d'oro di Vienna e di Budapest, architettonicamente incredibile. Sul mare, e in Italia ... una combinazione di elementi belli e curiosi. Secondo me le persone non si rendono conto della bellezza di questa città. A me piace un sacco Vienna e questa architettura con questo aspetto calmo ... non ho mai visto una città del genere, ne sono già innamorato. C'è poesia, qui".
Grazie Mika .... e a tutti voi che anche da lontano amate questa città. Dobbiamo fare di più, #triestepertrieste .

TOUR PER TRIESTE
16/07/2020

TOUR PER TRIESTE

Una cosa dovete sapere🙂
Lo Spritz triestino è acqua, vino e basta. Solitamente si beve col vino bianco ma anche rosso va bene.
Se lo volete più leggero (con meno vino) allora dovrete ordinare uno “Spritz morbido”😉
Scopri nel menu del sito luoghi, locali, musei, ricette...Clicca qui: https://www.tourpertrieste.it/

#tourpertrieste

MissClaire
14/07/2020

MissClaire

🌊 TRIESTE: 23 MODI DI ANDARE AL MARE

P͙i͙c͙c͙o͙l͙a͙ ͙g͙u͙i͙d͙a͙ ͙a͙l͙l͙e͙ ͙s͙p͙i͙a͙g͙g͙e͙ ͙d͙e͙l͙l͙a͙ ͙c͙i͙t͙t͙à͙ ͙t͙r͙a͙ ͙n͙a͙t͙u͙r͙a͙ ͙s͙e͙l͙v͙a͙g͙g͙i͙a͙ ͙e͙ ͙l͙i͙d͙i͙ ͙e͙s͙c͙l͙u͙s͙i͙v͙i͙

Un racconto che vi porterà a conoscere spiagge e ⛱ stabilimenti balneari che costellano la città.

Perché a Trieste quando si tratta di “andar al bagno” la scelta è davvero ampia.
Dimenticate dunque le distese chilometriche di ombrelloni stile Riccione: non troverete nulla di tutto ciò!

Ah sì, mettiamo subito le cose in chiaro; qui non si dice “andare al mare”. Assolutamente.

Il triestino va proprio “al bagno”, espressione che suscita spesso una certa ilarità 😁 tra chi non è del posto. Ma d’altronde come dargli torto? A Trieste è sufficiente inforcare un paio di infradito, fare due passi e sei subito in spiaggia.

Più o meno la stessa cosa di immergersi nella vasca 🛀🏻 da bagno di casa!

Ecco qui l’elenco completo PRE COVID -> https://www.missclaire.it/travel/23-modi-di-andare-al-mare-anzi-al-bagno-a-trieste/

Indirizzo

Via Della Raffineria 8
Trieste
34138

Dalla stazione treni/corriere: autobus linee 20, 21 e 23 (cinque fermate). Se arrivate in automobile: - da VENEZIA lungo l’Autostrada A4 o da Udine (confine con l’Austria) lungo l’Autostrada A23, dopo la barriera del Lisert proseguire fino all’uscita Trieste Sistiana-Strada Costiera. Continuare lungo la SS/SR14 fino in centro città. Giunti in Piazza Libertà (Stazione Ferroviaria) il percorso ruota a destra obbligatoriamente; proseguire sempre diritti fino al 4° semaforo, punto in cui girate a sinistra (piazza Tommaseo). Prendete via Canal Piccolo e proseguite quindi sempre dritti per Corso Italia; passata piazza Goldoni, Corso Umberto Saba e Piazza Garibaldi arrivate in Viale D'annunzio. Dopo il semaforo girate a sinistra in via della Fabbrica, di nuovo a sinistra in via Matteotti (obbligatorio) e al semaforo a destra in via Raffineria, al numero 8 (angolo con via Gambini) trovate il B&B Bora di Trieste. - da LUBIANA, passato il confine di Stato di Sezana/Fernetti, imboccare la strada statale SS58 / Strada per Vienna (e non il raccordo autostradale) direzione Trieste Centro / Opicina. Seguire sempre le indicazioni per Trieste Centro lungo Via Nazionale e continuare lungo via Fabio Severo. Giunti al semaforo continuare dritti per via Ghega e girare a sinistra in via Roma. Poi sempre dritti fino a Corso Italia, che imboccate svoltando a sinistra (obbligatorio), proseguite quindi sempre diritti, passate piazza Goldoni, Corso Umberto Saba e Piazza Garibaldi e arrivate in Viale D'annunzio. Dopo il semaforo girate a sinistra in via della Fabbrica, di nuovo a sinistra in via Matteotti (obbligatorio) e al semaforo a destra in via Raffineria, al numero 8 (angolo con via Gambini) trovate il B&B Bora di Trieste. - da CAPODISTRIA / Koper rimanete sul raccordo autostradale e seguite le indicazioni Trieste Centro, imboccando la superstrada sopraelevata (SS 202) che percorrete tutta fino in fondo. Al termine, al semaforo girate a sinistra e seguite sempre le indicazioni Trieste Centro, proseguendo su Viale Campi Elisi, largo Irneri, Passeggio Sant’Andrea, le Rive. Passata piazza dell’Unità (che trovate alla vostra destra), svoltate a destra al primo semaforo utile (piazza Tommaseo). Prendete via Canal Piccolo e proseguite quindi sempre dritti per Corso Italia; passata piazza Goldoni, Corso Umberto Saba e Piazza Garibaldi arrivate in Viale D'annunzio. Dopo il semaforo girate a sinistra in via della Fabbrica, di nuovo a sinistra in via Matteotti (obbligatorio) e al semaforo a destra in via Raffineria, al numero 8 (angolo con via Gambini) trovate il B&B Bora di Trieste.

Informazione generale

CONTATTI: Via Raffineria, 8 34138, TRIESTE Tel.: +39 040661988 Cel.: +39 3493511655 E-mail: [email protected] PREZZI: Periodo Camera doppia: 55 € Camera tripla: 70 € --------------------------------------------------------- Pasqua, Camera doppia: 60 € Natale, Camera tripla: 80 € Capodanno e Barcolana (I prezzi sono da intendersi per permanenza minima 2 notti) Nel prezzo sono compresi: - biancheria camera e set asciugamani per ogni ospite - nel bagno a disposizione asciugacapelli ed elementi di cortesia - ricca colazione a buffet (caffè, cioccolata, ampia scelta di tè, yogurt, cereali, frutta, dolci... con prodotti tipici e ove possibile biologici) con orario personalizzato RIDUZIONI E SUPPLEMENTI: Bambini 0 - 3 anni: gratis Bambini 3 - 12 anni: riduzione 50% Entrambe le camere possono anche essere utilizzate come singole Possibilità di aggiungere ulteriore letto o lettino Speciale offerte per famiglie: richiedete preventivo personalizzato SERVIZI: -Flessibilità check in / out -Rientro libero -A richiesta utilizzo box auto indipendente -Utilizzo del soggiorno -Utilizzo del frigorifero -A disposizione guide e piantine della città e dei dintorni, informazioni su eventi e manifestazioni in corso -I nostri piccoli ospiti potranno usufruire di giochi e libri, nonchè di un lettino 0-2 anni -Accoglieremo volentieri i Vostri amici a quattro zampe MODALITA' DI PAGAMENTO: Acconto a corferma prenotazione: 30% con bonifico bancario. La caparra verrà restituita in caso di disdetta fino a 7 giorni prima dell'arrivo previsto. Saldo in contanti - grazie.

Telefono

+39 3493511655

Notifiche

Lasciando la tua email puoi essere il primo a sapere quando B&B Bora di Trieste pubblica notizie e promozioni. Il tuo indirizzo email non verrà utilizzato per nessun altro scopo e potrai annullare l'iscrizione in qualsiasi momento.

Contatta L'azienda

Invia un messaggio a B&B Bora di Trieste:

Alberghi nelle vicinanze


Altro Bed and breakfast Trieste

Vedi Tutte

Commenti

La mia Trieste: Per quanto abbia una popolazione modesta, Trieste non è storicamente un città di provincia. Lo è diventata dopo l'annessione all'Italia, nel 1954. Era la seconda città più importante dell'Impero Austrungarico dopo Vienna e vale la pena ricordare che gli Asburgo erano discendenti delle grandi dinastie del Sacro Romano Impero, di cui raccolsero l'eredità: era quindi la seconda città del più grande impero di tutti i tempi, vi piaccia o no. Savoia, Borboni o Paperino che possono essere state grandi case reali nei luoghi da cui venite, in confronto erano degli zappaterra. E se siete francesi vi ricordo che le “vostre” dinastie erano mezze Asburgo. Trieste è una città particolare perché da sempre era il punto di incontro tra le civiltà europee e le etnie slave, e come se non bastasse ha subito una grande influenza orientale in quanto importante centro di scambio della via della seta. Voi pensate di avere i cinesi? Noi i cinesi li abbiamo dal medioevo. A Trieste trovate la seconda sinagoga più grande d'Europa (prima fino a pochi anni fa) ma anche uno dei più atroci impianti di cremazione del III Reich, la Risiera. A Trieste convivono le più grosse comunità greco- e serbo- ortodosse, con chiese di rara bellezza. Trieste ha una numerosissima comunità (chiamarla minoranza sarebbe quanto meno id**ta) di origine e madrelingua slovena: non è raro entrare in un negozio e sentire parlare sloveno. Ma c'è anche la Foiba di Basovizza, una delle più grandi della grande guerra. C'è la più maestosa piazza affacciata sul mare che il mondo conosca e la più grande (in termini di volume) caverna del mondo (impropriamente chiamata grotta). Trieste è in fondo a un cul de sac che chiude l'Adriatico, ed è circondata da colline e montagne: il suo clima è particolare e senza parlare della Bora, che merita un discorso a sé, ci si può trovare a dicembre a passeggiare in maniche corte in Carso (l'entroterra collinare) e a marzo a guardare incredibili tramonti sul mare circondati dalla neve. Trieste è la città con maggiore concentrazione di teatri stabili di produzione: due teatri di prosa, uno lirico e il teatro stabile sloveno, con un contorno effervescente di innumerevoli teatrini amatoriali anche con vere e proprie stagioni e abbonamenti. Trieste è la città dove si organizza la più rocambolesca gara di tuffi. Ma è anche la città in cui un Sindaco ha partecipato alla più rocambolesca gara di tuffi. A Trieste si festeggiano almeno 4 carnevali: quello più famoso, di Muggia, il carnevale Carsico, il carnevale dei Rioni, cittadino, e il carnevale estivo, nuovamente a Muggia. Trieste non è una città di mare, piuttosto è una città con il mare: le sue tradizioni poco hanno a che fare con la vita marinaresca ma la storia racconta dei grandi commerci del suo porto. Anche la tradizione enogastronomica non trova radici ittiche, preferendo di gran lunga i cibi di carattere austriaco o della tradizione slovena. Uno dei piatti tipici è il maiale in caldaia (la porzìna, ma non solo) nel pane, con senape e kren (rafano). Lo si mangia a tutte le ore, tipicamente dalle 8 alle 20. Diffidate della reale triestinità di uno che lo mangia senza senape o kren. Dopo la guerra Trieste è stata sotto governo americano: il jazz fa parte della sua storia, così come il rock. Fatevene una ragione. Trieste è sempre stata molto ricca sia di denaro, grazie al porto e ai commerci, sia di cultura. Quando in Italia le donne non uscivano di casa, qui erano capoufficio. Per contro il triestino ama più divertirsi – con poco e di sano e socialmente accettabile modo – che lavorare. Avete bisogno di un lavoro fatto bene ed economicamente onesto? Qualunque triestino vi dirà “la vadi in friul”. Il motto è “Viva l'A. e po' bon, che la vadi ben, che la vadi mal, sempre allegri e mai passion”: incarna perfettamente la triestinità. L'A. (con il punto) è l'Austria. Il triestino è nostalgico. Magari distaccato, ma nostalgico. E po' bon: è intraducibile, si potrebbe intendere come “e va tutto bene”. “Sempre allegri e mai passion”: è evidente che il triestino non è di carattere un piagnone. In sostanza è un menefreghista su tutto, in modo cosmico. Ma non in senso negativo: semplicemente gli basta poco, si accontenta e del resto non si cura. L'importante è mangiare e bere in compagnia. A Trieste c'è la più grande azienda di caffè del mondo. Il triestino medio, quindi, è sveglio. E nervoso. Non ce l'ha con voi, è proprio fatto così. A Trieste c'è anche la sede di una delle più grandi imprese assicuratrici al mondo. La prima assicurazione on line è nata a Trieste. Trieste ha sempre avuto una grande tradizione sportiva ma è anche una delle città con il maggior rapporto procapite di acquisto di alcolici. Non sfidate un triestino. Mai. Né in attività sportive, tanto meno a bere. A Trieste non ci sono grandi luoghi di ritrovo: si va a Barcola, sul lungomare, o sulle rive. O in osmizza – su questo ci torniamo poi. Non aspettatevi discoteche o american bar: siete nella terra delle sagre. Qui la gente vive frequentandosi, passeggiando, mangiando e ballando all'aria aperta. Anche d'inverno. Se impari a guidare a Trieste in qualsiasi altro posto sei un rallysta. Per un triestino vero il mondo finisce al Lisert, più o meno all'altezza del casello autostradale. Qualunque cosa sia oltre Lisert è aliena. Il lavoro, per esempio (v. “la vadi in friul”). È anche piuttosto frequente assistere a dialoghi del tipo (tradotti in italiano): - Andiamo a mangiare pesce a Staranzano? [40 km, ma è oltre Lisert] - Fino laggiù? No, dai meglio Parenzo! [60km, in Croazia e devi attraversare prima la Slovenia] Il triestino saprà condurti per le vie più recondite dell'Istria ma non riuscirà mai a districarsi tra rotonde e incroci dell'oltre-Lisert. Se sei in auto con uno che vi si orienta, abbi qualche dubbio sulla sua reale triestinità. Trieste ha una incredibile vivacità soprattutto teatrale e il triestino è un godereccio. Cosa ti fa pensare che non troverai niente da mangiare dopo teatro o, comunque, a ore tarde? Il triestino è lamentoso. Si lamenta di tutto, soprattutto dei triestini. Ovviamente non toccargli Trieste. Se pensi di aver visto un cinghiale passeggiare tranquillo vicino al centro, probabilmente hai visto un cinghiale passeggiare tranquillo vicino al centro. I triestini si lamentano che ci sono troppi cinghiali e che la città e invasa e quindi si fanno i selfie con loro per dimostrarlo.